PERCHÉ LE API MUOIONO QUANDO PUNGONO?

Aggiornamento: 5 dic 2020


Quando le api o le vespe sono lontane dal loro alveare o nido si limitano a foraggiare, raramente pungono. Nella maggior parte dei casi, pungono perché si sentono minacciate in qualche modo. Il modo migliore per evitare di essere punto è tenere le mani e il viso puliti e fare attenzione se ci sono api o vespe nelle vicinanze. Nel caso in cui siano già vicine, in genere non è consigliabile colpirle, perché potrebbero pungerti per autodifesa. Tuttavia, una puntura è molto più drammatica per l'ape. Nelle api da miele, il pungiglione rimane bloccato nella pelle e quando l'ape cerca di allontanarsi, il pungiglione si strappa dal corpo, insieme a parte del suo tubo digerente, muscoli e nervi, provocandone la morte. Nel frattempo, il pungiglione lasciato indietro può continuare a pompare veleno, se non viene rimosso. Le vespe e i bombi, tuttavia, hanno pungiglioni che non si incastrano nella pelle umana. il pungiglione dell'ape è appuntito e contiene lame a denti di sega. Queste lame è come se avessero lo scopo di guidare il pungiglione il più in profondità possibile. I muscoli collegano il pungiglione a una sacca di veleno, da cui una tossina che distrugge le cellule viene pompata nel foro. Chiaramente, il pungiglione dell'ape è fatto per essere conficcato nel corpo del nemico, mentre il pungiglione di una vespa è chiaramente rimovibile e, cosa più importante, riutilizzabile. Infatti, una vespa può pungere più volte senza morire, iniettando ogni volta una piccola quantità di veleno di vespa, mentre un'ape punge solo una volta iniettando l'intera dose di veleno disponibile.


Fonte: “Why do bees die when stinging”, Bees4life

43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti